lunedì 30 giugno 2008

Bruce Springsteen - Parc des Princes 2008



Emozionante...
Bruce piu' di chiunque altro abbia visto riesce sempre ad emozionarmi
In piu' essere a Paris(non nel pit per forza di cose...) con una giornata splendida e' il di piu' che vorresti sempre avere.
Rispetto Milano l'ho visto piu' carico in partenza e soprattutto la e-street piu' attiva, magari collaborano quei 4 o 5 gradi in meno rispetto al forno milanese .
Il pubblico e' stato abbastanza 'della domenica' .
Pochi cantavano e quando c'erano i brani piu' famosi(ma bobby jean non la sa nessuno???)
Questa volta bellissima l'apertura con Adam raised a cain, poi no Surrender e the river.
Impressionante come la estreet sia come un ipod... al solito Bruce prende i cartelli dal pit e legge le richieste dei brani dal pubblico.
Mostra "Fire" e la band inizia I'm on fire... lui stoppa il tutto e fa ripartire con l'intro di Fire... ma tipo un secondo e mezzo.
mah!
Ecco la set list... a breve le foto(si si piu' a breve di quelle dei Radiohead)

Adam Raised A Cain
Radio Nowhere
No Surrender
The Promised Land
Spirit In The Night
Rendezvous
Candy's Room
Atlantic City
Janey Don't You Lose Heart
Darlington County
Because The Night
She's The One
Livin' In The Future
Mary's Place
Fire
For You
The River
The Rising
Last To Die
Long Walk Home
Badlands
Out In The Street

Girls In Their Summer Clothes
Tenth Avenue Freeze-Out
Born To Run (with elliot murphy)
Bobby Jean
Dancing In The Dark
American Land(with elliot murphy)

giovedì 26 giugno 2008

Racing in the street

Quando si chiama emozione:

Bruce Springsteen - Stadio di S.Siro 2008



Bruce, Bruce ,Bruce!
Questo e' quello che vien da dire ogni volta.
E' il mio quarto concerto del boss , il terzo allo stadio e il secondo a S.siro.
Ho letto alcuni commenti di chi c'era nell'85 ecc ecc.
Alcuni scribacchini hanno snobbato questa data definendo un cliche',una ripetizione del mito di se stessi e altre amenita'. Beh affari loro! Supponenti personaggi perche' non lo dite anche di quei fantocci dei Police o dei Rolling Stones!
Bruce Springsteen e' vivo! Ha ancora voglia di dar spettacolo e far divertire e divertirsi.
Premessa: mi son alzato alle 5 per arrivare a recuperare il famigerato (e anelato) braccialetto per il pit(la parte a ridosso del palco) che grazie ad un'insperato guizzo di generosita' degli organizzatori ci verra' dato gia' alle 11.

Il concerto:
inizio alle 21(piu' o meno) si parte con Summertime Blues e gia' e' una novita', poi Out in the Streets e via via il boss inizia a navigare tra i suoi brani piu' o meno noti.
Dopo Spirit in The Night(finora l'audio e' pessimo...poi i tecnici del suono aggiusteranno il tiro)il boss dice:"Request" e scende sulle passerelle a recuperare, come fa da qualche data, i cartelli con i titoli dei brani a richiesta tra il pubblico.
Piu' volte durante la sera scendera' dal palco e stringera' mani, dara' baci, si tuffera' (o quasi) tra la folla.
Rispetto a 5 anni fa, a parte l'emozione diversa e la mia scarsa preparazione con i brani dell'ultimo lavoro, il suono e' piu' tirato , pochi discorsi e tanta musica.
Solo qualche parola , sempre in italiano, tranne per l'intro di Livin' in the Future, dove onestamente ho capito di piu' quando ha interpretato il brano che quando ha farfugliato nel microfono.
Tra le request c'era None But The Brave inedito che pare non eseguisse da millenni.
Brano piu' bello Racing in the Streets ,sentitissimo e sempre coinvolgente.
Che dire del finale ?Da Badlands in avanti un treno. Finale sulla passerella per American Land e Twist and Shout quasi improvvisata(little steven aveva gia' fatto sparire la chitarra).
Appagante come sempre, ok nel 2003 pioveva, era il tour del ritorno con un il disco di inediti ed era stato piu' emozionante ma ieri come allora lui ha dato tutto e con lui gli estreeters. ma 5 anni sono anche una eternita' , quindi vedere Clarence orami ombra di se stesso fa un po' tristezza.
A livello personale poi le emozioni son diverse, come le attese.
Altro concerto da ricordare e raccontare.
Domani sera vedro' il concerto a Parigi...
non basta mai...
Set list:

01. Summertime Blues
02. Out in the Streets
03. Radio Nowhere
04. Prove it all Night
05. Promised Land
06. Spirit in The Night
07. None But The Brave
08. Candy's Room
09. Darkness on the Edge of Town
10. Hungry Heart
11. Darlington Country
12. Because the Night
13. She's the One
14. Livin' in the Future
15. Mary's Place
16. I'm on Fire
17. Racing in the Streets
18. The Rising
19. Last to Die
20. Long Walk Home
21. Badlands
22. Girls in Their Summer Clothes
23. Detroit Medley
24. Born To Run
25. Rosalita
26. Bobby Jean
27. Dancing in the Dark
28. American Land
29. Twist and Shout


ps top del merchandising: perizoma di bruce

martedì 24 giugno 2008

Neil Young Verona 2008



Non delude, non riesce a deludere mai quest'uomo.
Ti manda a casa ma ne vorresti di piu'.
Questo tour estivo per arene e' ben diverso da quello proposto nei teatri, quindi niente 2 atti ma un grande e possente atto unico. Il nostro uomo si presenta in bianco/kaki alle 22.00(!!!) con i crazy horse, dopo un inascoltato (dai piu')breve set dei Verdena(ma chi li decide i gruppi spalla?cosa c'entra il terzetto bergamasco con il canadese?) e LUI ci fulmina subito con una love and oly love da 20 minuti e potrebbe finire li' , cosa meglio potrebbe fare? eh che domande... dopo una spirit road li' quasi per caso ci rifila una Hey Hey My My che difficilmente si dimentichera'. Poi la parte acustica: l'eterna The Needle And The Damage Done, Old man e Lonesome Me struggente nonostante il pubblico non sia educatissimo...
Winterlong ,Everybody Knows... e poi una Hidden place di 30 minuti che lo vede un po' troppo affannato alla fine dell'interminabile(ma mai noioso) pezzo.
2 minuti di pausa e poi una decina di minuti di All along the watchtower che ci regala un Neil che rotola per terra mentre suona come un osssesso.
Alla fine saranno 1h e 50 ma ogni minuto e' stato ben speso.
Per ora il miglior concerto 2008 con i Radiohead domani il Boss...

lunedì 23 giugno 2008

Silver Jews



I Silver Jews provengono dagli USA(virgina/texas) e sono al loro sesto lavoro :
"Lookout mountain, lookout sea".
Il loro leader, David Berman, sembra ogni volta mancare di un soffio l'entrata nell’olimpo dell’indie-rock . Amico/rivale della primissima ora di quello Stephen Malkmus che invece riusci' ad entrare tra gli dei(!!!) con i Pavement,ha fatto il fumettista, il critico , lo scrittore e ogni volta propone,con il suo gruppo, il suo suono grezzo che ricorda un certo Lou Reed di the Gift,infatti ascoltando questo lavoro viene in mente Coney Island Baby: accattivante ma non lineare.
Qualche anno fa (il penultimo lavoro era del 2005,Tanglewood Numbers ) sembrava che i brani ”American water” e “Tanglewood numbers” potessero far guadagnare a Berman una posizione un po’ più invidiabile di quella di eterno secondo. Invece niente, solo in pochi abbiamo apprezzato questo eclettico personaggio e il suo suono.
Anche questa volta non cambiera' molto per lui, barbuto personaggio che sembra uscito da un fumetto di Robert Crumb, nonostante “Lookout mountain, lookout sea” e' un disco maturo , sereno e naturale.I brani What is not but could be if, Suffering jukebox e Strange victory, strange defeat lo testimoniano. Niente picchi pero' come 3 anni fa, tutto fila liscio e sicuro.
Un buon album alla fine ... da (ri)scoprire gli altri!

giovedì 19 giugno 2008

Radiohead - Arena civica Milano 2008


da dove iniziare?
mmm dal posto? L'arena civica di milano... enorme? no ma dispersiva si' ...come una arena dove le 'cose' succedono in centro non su una curva! Ma cosa hanno visto le persone sugli spalti? i megaschermi? e soprattutto cosa hanno sentito?
Ero nel prato son riuscito ad andare di lato a pochi metri dal palco... ho goduto tutto e anche bene. Se la sera prima la scaletta era stata 'classica' praticamente tutto inRanibows e due pezzi per ogni vecchio album, ieri sera i Ra-dio-head hanno proposto ben 10 pezzi differenti per lo piu' pescati nella piu' recente discografia e saltando gli ormai classici Piramid song e Karma Police presentati invece la sera prima. Quindi chi si e' visto i due concerti si e' visto e sentito una 40ina di pezzi.
I supporter i Bat for lashes , 3 ragazze e due tipi , musica tipo Bjork, la cantante ha una bella voce ma sentiti la prima volta non mi hanno impressionato piu' di tanto, pero' azzeccassero il singolo... mah
Inizio ore 21.05 ancora con il sole, partenza subito con Reckoner,15 Step e The national anthem ,l'impressione che avro' per tutto il concerto sara' di estrema rilassatezza ( sara' anche a causa degli odori e dei fumi circostanti... )infatti tra un brano e l'altro i musicisti si parlano, ridono , si prendono il loro tempo prima di iniziare il brano successivo. Tranquillita' che trasmettono e si sente.
Ogni brano ha storia a se', per strumenti e suoni(davvero?): elettronico, elettrico, tirato , rilassato.
Bellissima Videotape,Everything In It's Right Place di una dolcezza infinita e Idoteque martellante. Per la parte finale ho goduto su There There sempre bella e The Tourist epica, infine la chicca di Go Slowly(bside di inrainbows) molto tirata e originale(ma va?).
Quindi 2 ore rilassate,viste e sentite ottimamente con una band che trasmette tutto quello che vuole, cosa pretendere di piu'?
Indubbiamente la seconda meta' meglio della prima ma e' davvero fare le pulci.

Ultima nota : al solito l'unica entrata e uscita ci ha portato di nuovo nell'italiota imperfezione... la solita marcia dei pinguini.

Domani o dopo pubblico foto e video.

La prossima tappa e' lunedi' all'arena di verona per il vecchio Neil.

set list:
1. Reckoner
2. 15 Step
3. The National Anthem
4. All I Need
5. Nude
6. Airbag
7. The Gloaming
8. Dollars And Cents
9. Arpeggi
10. Faust Arp
11. How To DIsappear Completely
12 Jigsaw Falling Into Place
13. Wolf At The Door
14. Videotape
15 Everything In Its Right Place
16 Idioteque
17. Bodysnatchers

Encore #1

18. House Of Cards
19. There There
20. Bangers & Mash
21. Just
22. The Tourist

Encore #2

23 Go Slowly
24. 2+2=5
25. Paranoid Android

Bob Dylan- Bergamo 2008


Foto by Ryan79

martedì 17 giugno 2008

Bob Dylan- If you see her say hello!



Il primo e' andato... la pioggia ha dato tregua per fortuna.
Scandalosa l'organizzazione, non me lo aspettavo dai bergamaschi. Una entrata, stretta, sedie tipo cinema d'estate... alla fine inutili perche' tutti si sono fiondati avanti alla prima canzone alla faccia di chi aveva sborsato un cinquantone o piu'...
Al solito ticket(merda)one mi aveva assegnato dei posti casuali a mille km dal palco
ma grazie ad un amico intraprendente siamo finiti a pochi metri dal palco.
Bob in forma sorprendente, al solito le canzoni lente non mi esaltano troppo e just like a woman mi ha un po' rotto... infatti l'anno scorso ero felice che l'avesse tolta dalla setlist ma vabbe' riesce comunque sempre a sorprendermi con qualche nuova trovata e arrangiamento. Poi mi ha fatto If you see her say hello che se non sbaglio e' la mia prima volta e questo potrebbe bastare.
Tutto sommato ha dato piu' spazio a Donnie Herron che e' sempre defilato nelle retrovie ma non suona male, invece mi e' sembrato sacrificato il nuovo ruolo di Denny Freeman ottimo chitarrista solista(primo maestro d'armi di Stevie Ray Vaughan) che l'anno scorso affilava il suono con i suoi assoli surf-blues,ora ne accenna solo alcuni ma senza infierire troppo.
Ora quindi il suono e' diventato piu' corposo e blues e meno rock-blues.

See you next time mr Dylan!


Bergamo, Italy
Summer Sound Festival
Lazzaretto

June 16, 2008

1. Leopard-Skin Pill-Box Hat
2. If You See Her, Say Hello
3. Just Like Tom Thumb's Blues
4. The Levee's Gonna Break
5. Moonlight
6. Things Have Changed
7. A Hard Rain's A-Gonna Fall
8. High Water (For Charlie Patton)
9. When The Deal Goes Down
10. Honest With Me
11. Just Like A Woman
12. Highway 61 Revisited
13. Beyond The Horizon
14. Summer Days
15. Ballad Of A Thin Man

(encore)
16. Happy Birthday (insturmental)
17. Thunder On The Mountain
18. Like A Rolling Stone

lunedì 16 giugno 2008

next live experiences



Nel giro di 8 giorni andro' a vedere:
- Bob Dylan(Bergamo) con pioggia annessa al 90%
- Radiohead(Milano) sole..pare
- Neil Young (Verona)...variabile...
fosse un vero giugno non sarebbe poi tanto male!

giovedì 12 giugno 2008

martedì 10 giugno 2008

Ryan Adams Vote

Vediamo di farlo venire in fretta!
VOTATE!!! Il fornte italiano e' diviso tra Roma,Milano e Ferrara
Uniamoci!






Upcoming Events by Eventful

lunedì 9 giugno 2008

Beh lunedi' mattina ... decisamente stordito...
il rifiuto di ogni rumore molesto
allora mi accarezza la voce di eddie:

Leave it to me as I find a way to be
Consider me a satellite, forever orbiting
I knew all the rules, but the rules did not know me
Guaranteed...




yawn!