venerdì 30 dicembre 2011

martedì 27 dicembre 2011

So long Carlo...


Il 23 Dicembre si è spento a soli 62 anni , all'improvviso e 'alla sua maniera' Carlo Carlini.
Il cuore provato non ha retto per un altro Natale, lo ha lasciato e ci ha lasciato.

Per anni Carlo ha saziato la fame di musica americana. Concerti con nomi spesso solo letti sulle riviste specializzate, nomi di emarginati dal music business oppure di cantautori nascosti , pronti al salto che alcuni poi faranno. Carlo era innamorato di quella terra che celebrava i Bruce Springsteen ma dimenticava i Rick Danko(The Band).
Sempre appassionato, curioso ma soprattutto sognatore ostinato Carlo ha impersonato il coraggio (follia) dell'amore per l'arte.
Una vita che un giorno qualcuno racconterà, una vita, son sicuro , è valsa la pena vivere, anche solo per il piacere di chiaccherare con i fan a fine concerto e bere con loro.

Leggere chi è passato da Sesto Calende è impressionante, sono tantissimi: Townes van Zandt, Dave Alvin, Butch Hancock,Joe Henry, Neal Casal e ultimamente Chris Pureka.

In questi giorni sulla sua bacheca di FB si possono contare tantissimi post, il più significativo è quello di Dave Alvin:
"Thank you for everything you did for me, Carlo. You were one of the most passionate, amazing, wildest folk/rock and rollers I've ever met. You were truly one of the greats. You were as intense, poetic and driven as any songwriter or musician I've ever known. You will always remain a source of inspiration, humor and joy to me. I'm blessed to have known you, amigo. I'll light a cigarette and drink some wine in your honor. All my love to your family. Ciao Carlo, Dave"

Grazie Carlo ... so long!

mercoledì 21 dicembre 2011

Nuovo anno...


...vecchi vizi...

18-gen Notwist - Magazzini Generali - Milano
30-gen Black Keys - Alcatraz - Milano
08-mar Wilco - Alcatraz - Milano
09-mar Wilco - Estragon - Bologna
25-mar Mark Lanegan - Alcatraz - Milano
07-giu Bruce Springsteen - San Siro - Milano
24-giu Tom Petty - Hallenstadium - Zurigo
29-giu Tom Petty - Piazza napoleone - Lucca
01-lug Radiohead - Parco delle capannelle - Firenze
04-lug Pearl Jam - O2 arena - Berlino

lunedì 19 dicembre 2011

Top ten italy 2011


La mia top ten italiana 2011:

1. A classic education - Call It Blazing
2. Fabrizio coppola - Waterloo
3. Green like july - Four-Legged Fortune
4. News for lulu - They know
5. Sick tamburo - A.I.U.T.O.
6. Giorgio Canali - Rojo
7. Mariposa - Semmai Semiplay
8. Bud Spencer Blues Explosion - Do It
9. A Toys Orchestra - Midnight (R)evolution
10. Daniele Tenca - Live for the Working Class



A Classic Education - I Lost Time

giovedì 15 dicembre 2011

Twilight Singers Live in New York


Greg Dulli ama l'Italia , da sempre, fin dalle sue origini.
Lo ha dimostrato con gli Afghan Wings e lo dimostra oggi collaborando spesso con gli Afterhours.
Da quando ha formato i Twilight Singers non l'ho molto amato , non tanto quanto con gli AW , ma il 15 Novembre e' uscito Live in New York.
La spiazzante bellezza di alcuni brani e' evidente, su tutte "Don't Call"(qui sotto)
che apre il cuore in due e lo lascia li' con tutto il dolore che ne puo' uscire.
"Don't Call" è una b-side dell'ultimo lavoro della band 'Dynamite Steps', eseguito da tempo dal vivo...
Il resto fila via diretto e liscio come si vorrebbe.
Intanto gli AW pare si riuniscano per qualche data chissà...

The Twilight Singers - Don't Call

lunedì 12 dicembre 2011

the National + Bon Iver

Durante l'esibizione dei National ai Glenn Gould Studio è salito sul palco Justin Vernon(Bon Iver)per eseguire "Vanderlyle Crybaby Geeks".
Il risultato è qui sotto:

the National + Bon iver - Vanderlyle Crybaby Geeks

venerdì 9 dicembre 2011

lunedì 5 dicembre 2011

la tempesta e' passata...

A breve il racconto del bellissimo festival de 'La tempesta' a Marghera.
Il brano qui sotto è stata una scoperta o meglio un ritrovare qualcosa che
si pensava perduto.

Giorgio Canali - La Solita Tempesta (Featuring Angela Baraldi)

martedì 29 novembre 2011

Low - Magazzini Generali Milano 28 nov 2011




Purtroppo per me sono un fan dell'ultimo minuto del terzetto di Duluth, Minnesota(ma non era il posto da dove viene un certo mr Zimmerman?).
Prima dell'uscita dell'ultimo lavoro, "C'mon" , non li avevo mai apprezzati.
Ma alle volte basta poco, mi sono innamorato dal primo singolo "Try to sleep" fin dal primo ascolto.
I Low fanno musica essenziale(low-core viene definita), allungano parole e note creando un'atmosfera a volte turbolente(o turbata) a volte commovente.
Ad Austin non me li sono persi e per nulla lo avrei fatto e lo stesso , per un gran colpo di fortuna , mi è successo ieri sera.
Dopo un breve set dei buoni ed emozionati Emily Plays di Pavia, terra fra le più fertili per l'indie italiano, poco prima delle 22, arrivano i Low. Palco essenziale Alan Sparhawk e Mimi Parker si dividono i brani , sempre piu' 'profondi' , l'uno alle 6 corde(che continuerà ad accordare per tutto il set) e l'altra alla batteria suonata in piedi.Il bassista Steve Garrington sostiene le parti piu' profonde del suono in modo semplice , dando profondità al suono . La set-list saccheggia l'ultimo lavoro, con qualche riarrangiamento che non fa altro che sviscerare ancora di piu' i contenuti dei bellissimi pezzi: "Try to Sleep","Nothing But Heart","Especially Me" si fondono con brani storici come "Sunflower" emozionante fino alle lacrime.
Alla fine sarà un'ora e venti di emozioni... sì qualche concessione in più poteva esserci se non altro perche' dal silenzio che si respirava ad ogni brano sembrava di essere a teatro e non è ovvio per un posto come i Magazzini Generali...


Low - Sunflower @ SXSW 2011

lunedì 28 novembre 2011

mercoledì 23 novembre 2011

bruzzz


Bruce Springsteen tornerà in Italia quest'estate, con le rimanenze della E-Street band:
il 7 giugno allo Stadio Meazza di Milano, il 10 allo Stadio Franchi di Firenze, l'11 allo Stadio Nereo Rocco di Trieste.
Domani inizia la prevendita online. Spero non si ripera la ruberia del concerto dei Radiohead dove in un'ora scarsa i biglietti per Bologna se ne sono andati.
Domani alle 16 tutti pronti...

lunedì 21 novembre 2011

Bon Iver covers Bonnie Riatt & le speculazioni natalizie


In questi giorni uscirà la deluxe edition di "Bon Iver", niente bonus traks, solo un video per brano.
Speculazioni natalizie...

Mi consolo con un'interpretazione di rara intensità di appunto Justin Vernon (Bon Iver) che si esibisce in due cover di Bonnie Riatt:

Bon Iver - I Can't Make You Love Me/Nick of Time

venerdì 18 novembre 2011

Radiohead in Italia AD 2012



Notizie fuggevoli si rincorrono in questi giorni , l'ufficialità c'e' stata alla fine solo oggi, la band di Oxford sarà in Italia per 4 date :

sabato 30 giugno - Ippodromo delle Capannelle - Roma

domenica 1° luglio - Parco delle Cascine - Firenze

martedì 3 luglio - Piazza Maggiore - Bologna

mercoledì 4 luglio - Villa Manin di Codroipo (UD)


biglietti in prevendita (pochi anzi pochissimi) su radiohead.com, gli altri su ticketone e Vivo Concerti nei prossimi giorni.

giovedì 17 novembre 2011

Knopfler + Dylan - Forum Assago - 14 nov 2011

Un po' nerd ma l'accostamento e' di quelli che rendono l'idea:
Mark Knopfler

Bob Dylan

Per la recensione del concerto non mi metterei a confronto con le 'definitive' di P.Vites e di A.Marziano che l'uno di pancia(al solito) e l'altro di testa mettono in fila pregi e difetti della serata. Due mondi ormai diversi che messi a contatto fanno scintille... ormai chi se lo aspettava?

mercoledì 16 novembre 2011

venerdì 11 novembre 2011

5000 chilometri al secondo


La grafic novel italiana e' viva , vivissima, ma non se ne accorge nessuno...
Manuele Fior 36 anni ha vinto il Fauve d’Or con "5000 chilometri al secondo" nella categoria Miglior Album al Festival Internazionale di Angoulême . Vale a dire l'oscar o meglio il Pulitzer del fumetto.
L'autore di Cesena, prima architetto , poi illustratore emigrato , collabora con i piu' prestigiosi settimanali del mondo, basta leggere la sua biografia per capire chi è.
La semplice storia di due ragazzi e di una ragazza in un paese di provincia diventa un'occasione per analizzare la realtà a piu' strati e complessa del appena post-adolescenza. Quell'età che va dai 18 ai 23 anni dove tutto alla fine si decide quasi definitivamente.
Una storia ad acquarelli profonda ma leggera allo stesso tempo. Da leggere e avere.
In Italia edito dalla sempre benemerita CoconinoPress.

giovedì 10 novembre 2011

Sigur Ros - Inni





E' uscito da qualche giorno Inni, il doppio live con dvd dei Sigur Ros.
Tra i brani(una sorta di best of ... as usual) c'e' Sæglópur è la chicca che ormai ci si poteva gustare solo dal vivo.

"
il vento si riversa
fuori il profumo dei tuoi capelli
colpisco più veloce che posso
con il mio naso
"
da Hoppipolla

Non esce dal mio player...

Sigur Ros - Sæglópur

martedì 8 novembre 2011

Mark Lanegan nouvo album


"Colui il quale anche leggesse l'elenco del telefono sarebbe bello lo stesso da ascoltare" a Febbraio(il 6) farà uscire un nuovo lavoro 'solo'.
E' dal 2004 (Bubblegum) che non pubblica nulla di suo e dopo le collaborazioni/duetti/parallelismi di Twilight Singers, Gutter Twins, Soulsavers e Isobel Campbell, Mark ci sarà "Blues Funeral".

Registrato a Hollywood da Alain Johannes. Tra i collaboratori Jack Irons ,Greg Dulli e Josh Homme .

Seguira' un tour europea che toccherà l'Italia il 24 e 25 Marzo all'Estragon di Bologna e all'Alcatraz di Milano rispettivamente.

Più avanti altre news e anticipazioni.

giovedì 3 novembre 2011

Notwist in Italia!



A gennaio, il 18, tornano i Notwist,ai Magazzini Generali a Milano(sigh). La band tedesca lo-fi che all'imprescindibile Neon Golden del 2002 ha fatto seguire (a 6 anni di distanza) l'ottimo " The Devil, You + Me " ,piccolo gioiello . Qui sotto Gone Gone Gone . Il video e' fatto da un animatore(ancora studente) , Mathieu Morasse, che rende ancora piu' perfetta la resa del brano.
Nel 2009 hanno composto il commento sonoro per il film Storm di Hans-Christian Schmid.

The Notwist - Gone Gone Gone

mercoledì 2 novembre 2011

Luther Dickinson & The Sons of Mudboy - Onward and Upward




Luogo: Fiera del disco di Varese
Data: 30 oct 2011
Ok non proprio la 'festa' dei morti, ma questo cd inciso dal leader dei North Mississippi AllStars mi capita tra le mani dopo qualche stand, 7 euro, lo prendo, me ne vado.
Inciso 3 giorni dopo la morte del padre Jim,già musicista per Aretha Franklin, Bob Dylan(Time out of mind, e Bob dichiarò : "If you've got Dickinson, you
don't need anybody else."), Rolling Stones e Flamin Groovies e produttore di Green On Red, Replacements, Screamin' Jay Hawkins, Willy DeVille, Mudhoney e Tav Falco (basta???) nel 2009 allo Zebra ranch (lo studio/ranch di Jim) con un pugno di amici di famiglia e' di una tristezza quanto lo puo' essere un canto funebre.
Tra gli amici spuntano, tra gli altri, un paio di collaboratori del gruppo di cui Jim era leader, i Mudboy & The Neutrons e Shannon McNally. Un due tracce incide tutto in presa diretta. Scalcinato, triste e profondo come il dolore della perdita. Le parole di mr Dickinson Senior , visto anche la bella carriera dei figli, sono più vere che mai:
"Non sono morto. Me ne sono solo andato via"
Qui sotto la bella Let it Roll che , come spiega Luther, era stata composta proprio poco prima di incidere Onward and Upward.

Let it roll

lunedì 31 ottobre 2011

Jonas David


Tedesco , 24 anni ma in realtà molto piu' 'grande' e maturo.
Le sue canzoni entrano nel cuore, lo si potrebbe collocare tra
Bon Iver e Damien Rice .
ha all'attivo un lavoro di una bellezza struggente: Keep The Times del 2010,
è in tour fino a fine anno... qualcosa mi dice che passerà nel comasco ;-)
Grazie a Carlo per la scoperta.

Jonas David - You in the Fires

giovedì 27 ottobre 2011

Black Keys - Lonely Boy Video

Primo video dal prossimo lavoro dei Black Keys : El Camino.
La linea e' quella già sentita in Brothers ma piu' vintage e meno ovattata... almeno stando a questo primo singolo.

Black Keys - Lonely Boy

martedì 25 ottobre 2011

Bridge School Benefit Concert 2011


Quest'anno perfino Tony Bennett si e' scomodato per il concerto benefico organizzato da Neil Young. Gli altri:Arcade Fire, Eddie Vedder, Beck, Foo Fighters, Norah Jones, Mumford & Sons e Devendra Banhart oltre al padrone di casa.

E dopo l'esibizione con Bob Dylan ai grammy i Mumford & Sons inanellano anche un 'duetto'(non troppo perfetto) con Neil:
Mumford & Sons + Neil Young - Dance, Dance, Dance

lunedì 24 ottobre 2011

venerdì 21 ottobre 2011

Townes Van Zandt Festival

Giunto alla ottava edizione il TVZ Festivalè un appuntamento fisso ormai da troppo tempo per non andarselo a vedere stasera al teatro dell'oratorio di Figino Serenza (CO) ... "in the middle of nowhere" come è giusto che sia :"It's the best place to pay tribute to Townes Van Zandt" dice Andrea Parodi alla giornalista Carol Nuckols da Austin, che l'anno scorso partecipo' al festival suonando il violino con la sorella Coral .


Come sempre tanti(ssimi) nomi piu' o meno noti della scena alternative-rock italiana(Matt Waldon in primis) e Texana con le punte di Alejandro Escovedo & Eric Taylor.
Tutti,ovviamente, eseguiranno un brano del geniale Townes.
Inizio rigoroso alle 21. Gratis.
Grazie ancora alla Pomodori Music per il solito impegno che ci mette .
Qui sotto il video del figlio di Steve Earle , Justin Townes... appunto... che paga il suo dazio al mentore del padre cantando una magnifica Rex's Blues:

martedì 18 ottobre 2011

beck heritage


Beck Hansen, si' lui , dissacrante , debordante difficile da capire , esaltante genio e folle definitivo ora fa il produttore : sentito l'ultimo dei Wilco? ecco appunto.
Qulacuno deve prendere il suo posto, Bosco Delrey è qui per questo .
Gusto dell'antico mixato all'ultramoderno che suona maledettamente antico.

Che Beck si goda pure il buen ritiro il futuro è già segnato.

Bosco Delrey - Eveybody Wah by Mad Decent

lunedì 17 ottobre 2011

giovedì 13 ottobre 2011

Black Keys news


Il 6 Dicembre uscirà il nuovo lavoro dei Black Keys(a fine Gennaio a Milano).
Il titolo sarà El Camino e sarà preannunciato da un singolo 'Lonely Boy' il 26 ottobre.
Qui sotto il divertente video/spot di presentazione dell'album:


mercoledì 12 ottobre 2011

AHK-toong BAY-bi Covered

Il 25 ottobre in allegato a Q il magazine di musica inglese uscirà una compilation di artisti che rifaranno tutti i brani del famoso lavoro berlinese degli U2.
Il titolo sarà "AHK-toong BAY-bi Covered"
Nomi non secondari :Nine Inch Nails, Garbage, Depeche Mode, the Killers, Snow Patrol, Jack White e altri.
Il 3 Ottobre Achtung Baby e' stato riedito con tanto materiale d'archivio.

Piu' sotto la cover di "Love is blindness" trattata da Jack White come un blues di Howlin' Wolf.



AHK-toong BAY-bi Covered :
1. Nine Inch Nails, "Zoo Station"
2. U2, "Even Better Than The Real Thing (Jacques Lu Cont Mix)"
3. Damien Rice, "One"
4. Patti Smith, "Until The End Of The World"
5. Garbage, "Who’s Gonna Ride Your Wild Horses"
6. Depeche Mode, "So Cruel"
7. Snow Patrol, "Mysterious Ways"
8. The Fray, "Trying To Throw Your Arms Around The World"
9. Gavin Friday, "The Fly"
10. The Killers, "Ultraviolet (Light My Way)"
11. Glasvegas, "Acrobat"
12. Jack White, "Love Is Blindness"

martedì 11 ottobre 2011

Calexico - Road Atlas 1998-2011


Il 22 Novembre uscirà il cofanetto riassuntivo in VINILE con tutti gli episodi live della band (mex-)Texana, episodi solo disponibili ai loro concerti per un limitato periodo.

12 LP , 4 LP singoli e 4 LP doppi con bonus in mp3:

- Road Map LP (1999)
- Travelall LP (2000)
- Aerocalexico 2LP (2011)
- Scraping 2LP (2002)
- The Book And the Canal 2LP (2005)
- Toolbox LP (2007)
- Ancienne Blegique. Live In Brussels 2LP (2008)
- Circo. A Soundtrack by Calexico LP (2010)
ne saranno fatte solo 1100 copie!

Il costo di 125 euro non è proibitivo...

Qui sotto il filmato che mostra il piccolo tesoro:

venerdì 7 ottobre 2011

Fabrizio Coppola - Waterloo


Fabrizio Coppola cantautore Milanese, è appena uscito il suo bellissimo secondo album, qui sotto lo streaming.
Quadretti metropolitani evocativi suonati e cantati ottimamente.

E' in tour , se capita...

Fabrizio Coppola - Waterloo

giovedì 6 ottobre 2011

Rodrigo y Gabriela

Duo messicano , marito e moglie, mostruosamente bravi.
Hanno partecipato alla colonne sonora de 'Il pirata dei Caraibi' e vari tributi tra cui i Metallica(!!).
Il 22 novembre nella Sala Sinopoli dell'Auditorium di Roma e il 23 Novembre a Milano ai Magazzini Generali...

Rodrigo y Gabriela - Diablo Rojo

mercoledì 5 ottobre 2011

so long...

Alcune persone se ne vanno, fisicamente dico, partono per , dicono loro, non tornare più, dicono loro.
L'occasione e' la partenza di una persona che conosco virtualmente, eterea(nel senso di radio) ma che apprezzo. Se ne andrà dall'altra parte del mondo a inseguire la sua vita, qui ormai vuota, per carità fa benissimo ...
Qualcuno l'ha già dedicata a lui e lo rifaccio, riascoltando un piccolo gioiello della band che (mi)manca da troppo(pure lei) sulla lunga distanza live.

Gomez - Our Goodbye

martedì 4 ottobre 2011

Indagine Sul Cinema del Brivido

Riporto:
"
In una serata speciale al Teatro dal Verme di Milano, venerdì 21 ottobre sul palco insieme a Calibro 35 numerosi artisti per celebrare la musica di uno dei generi di culto del cinema italiano degli anni 70. Uno spettacolo in cui Calibro 35 eseguiranno un vasto repertorio da loro mai eseguito live né su disco. Ospiti Georgeanne Kalweit, Alessandra Contini (Il Genio), Gak Sato (Vinicio Capossela), Rodrigo D'Erasmo (Afterhours), Sebastiano De Gennaro (Le Luci Della Centrale Elettrica, Edda), Paolo Raineri (JunkFood), Daniela Savoldi.

"

lunedì 3 ottobre 2011

Afterhours - Live @ Trezzo sull'Adda(MI) - 30sep2011


L'ultima volta che ero venuto al Live di Trezzo, la prima, era per i Grinderman, il side project di Nick Cave, ne ero uscito stordito e con le orecchie fumanti dal noise sprigionato dai pazzi sul palco.
Questo certo non me lo aspettavo dagli Afterhours. Non mi aspettavo niente di preciso in realtà, era troppo che non li vedevo ed ero proprio nell'atteggiamento: "adesso vediamo se hanno ancora qualcosa per me". L'ultima volta era stata a teatro, un'esperienza quasi surreale. Poi li avevo lasciati andare per la loro strada, ma si sà prima o poi si ritorna sul luogo del delitto...
Questa di Trezzo è l'ultima data del summer tour prima di iniziare il giro negli USA e finire il nuovo disco ormai da troppo in gestazione.
Il ritorno di Xabier Iriondo(visto poco prima con moglie e figlioletto) alla seconda(prima) delle 3 chitarre fa ben sperare. E' stato lui in passato a dare il tocco da outsider che ha reso il suono originale e particolare. Senza di lui , prima le sonorità scarne poi troppo elaborate avevano mostrato il fianco con una eccessiva ricerca della precisione piu' che dell'impatto sonoro.
Quello che segue mi darà ragione.
Poco prima dell'ingresso della band viene suonata "Amphetamine" di Steve Wynn e già mi sento a casa...Steve è uno dei pochi dei 'umani' dell'Olimpo dei grandi rocker stellestrisciati e gli 'After' lo hanno accompagnato(omaggiato) durante l'ultima sua discesa italiana, quindi la scelta ha un senso, o magari e' un caso e io un dietrologo :-)

Il concerto inizia fortissimo , in ordine sparso : "Dea", "La verità che ricordavo"(best della serata), "Male di Miele", "Siete proprio dei pulcini" tutto condito da brani acustici(pochi) come Bianca o qualche trovata autoreferenziale con Manuel solo al piano ad eseguire improbabili strimpellamenti a livello di novizio dello srumento. Ma l'importante era , nonostante fosse l'ultima data , nononstante il brusio di fondo, che la band non si risparmiasse, scegliendo una scaletta ovvia , da jukebox del fan. La setlist ha tirato fuori un concerto degno di band hardcore , con l'energia che nelle ultime prove (viste da me) sembrava ormai andata , prestata più alla ricerca della precisione che all'impatto. Come detto poco sopra, spesso le chitarre sono 3 e si sente , ognuno a tirarle il piu' possibile e a dare spessore ai pezzi che altrimenti cadrebbero nel già sentito.
L'incredibile presenza di gggiovani dai 30 in giù, entusiasti e , cosa mai vista, che cantano a memoria tutti i brani, fa ben sperare per il futuro del gruppo e pensando a noi, che li seguiamo dal 97, e già ci sentivamo dire di essere dei ritardatari, ora che siamo quasi scomparsi almeno da sotto il palco, fa un po' ridere.
Qualche riarrangiamento azzeccato, Xavier , niente tastiere e la determinazione di voler continuare a tenere alta l'attenzione su di loro potrà solo far aumentare il bacino e ri-riempire quello spazio vuoto tra il loro grande seguito e lo sparuto drappello di appassionati a cui è ritornata ad essere la musica indie-rock italiana.
Già 10 anni fa lo fecero , si spera che ora il miracolo si ripeta, il materiale c'e'.

So' già che la prossima volta ci sarò anche per sentire se la lunga gestazione è servita oppure no, ma anche per farmi tremare le orecchie .

Afterhours - La Verità Che Ricordavo

giovedì 29 settembre 2011

Bridge School Benefit 25th Anniversary


Come già anticipato da molte parti uscira' una sontuosa collection audio/video del famoso concerto che si svolge ogni anno al Shoreline Amphitheatre di Mountain View(quest'anno il 22 e il 23 Ottobre).
Gli ospiti si esibiscono in ambito quasi sempre acustico spesso dando vita a spettacoli , duetti e collaborazioni alle volte sorprendenti.
Il tutto organizzato da Neil Young per raccogliere i fondi per centro(the bridge school appunto) che si occupa di curare le malattie neuropsichiatriche dei bambini.
Thom Yorke, R.E.M., Pearl Jam, Tom Petty,Fleet Foxes, Who, David Bowie, Bruce Springsteen, Metallica, No Doubt, Tom Waits, Sonic Youth...la lista degli ospiti nei 25 anni e' infinita.
Speriamo ci stia un po' tutto in questi 3 dvd e 2 cd in uscita il 24 Ottobre.
Buono per Natale insomma con l'autobiografia del suddetto Neil.

Bridge School 25th Anniversary

mercoledì 28 settembre 2011

Lisa Hannigan


Per 7 anni con Damien Rice, il 7 Ottobre esce il suo (ottimo)lavoro solista, qualcosa di nuovo finalmente!
Qualcuno mi aveva detto che la portava in italia...

Lisa Hannigan - Knots

martedì 27 settembre 2011

M. Ward

Sto ascoltando quest'uomo da un po'.
E' la metà di She & Him , consiglio gli ottimi Post-War(2006) e Hold Time(2009).
Ha fatto parte del supergruppo Monster of Folk e dei Bright Eyes.

M.Ward - One Hundred Million Years.

venerdì 23 settembre 2011

REM SPLIT


tra gli alti e bassi della loro carriera li ho amati sempre, visti tante volte e non mi hanno mai deluso.
Ora mi ascolto Monster, l'ho sempre amato a dispetto di molti, contiene la canzone che racchiude un'epoca Let Me In: la chitarra di Kurt Cobain, il dolore e l'abbandono.
Michael, Bill ,Peter & Mike alla prossima, nelle vostre diverse forme.

"
He gathered up his loved ones and he brought them all around
To say goodbye, nice try
"

mercoledì 21 settembre 2011

PJ20

Per la prima volta ho avuto la sensazione di vedere qualcosa che difficilmente si ripotrà riprodurre a casa. Già la visione al cinema di un film da' delle sensazioni ben diverse dalla visione casalinga anche solo per la concentrazione, totale e totalizzante, verso quello che passa sullo schermo.
La visione di PJ20, il documentario di una certa band che festeggia(!!!???) i 20 anni di carriera, è stato proiettato in un unico giorno in tutto il mondo, non era da perdere.
Solo per rivedere e riassaporare tutto cio' che e' stato "prima". Prima del boom, prima che arrivasse la globalizzazione (cosa buona e giusta) della diffusione via youtube di ogni frammento della loro vita.
La prima mezz'ora in cui il giovane Eddie Vedder , brufoloso, timido e impacciato , chiedere l'autografo a Layne Staley, le prime interviste ingenue e sentire i protagonisti della storia della Seattle (pre)anni 90 della follia collettiva che diventò il 'grunge' vale tutto il resto. L'importanza mai troppo enfatizzata di Andy Wood è ben spiegata da Chris Cornell che si emoziona parlandone. L'omaggio che ne rendono tutti gli ex Mother Love Bone è molto vero.La morte di Andy li fa svegliare, rompe qualcosa, li fa diventare grandi. Lì tutto è iniziato a farsi serio. Tutta questa atmosfera, neanche con un blueraydvddolbysurround, si riuscirà a ricreare a casa.
Quello che ho gustato di più di PJ20 è stato il lato 'storico'. Le ricostruzioni, i vecchi filmati, le prime esibizioni , il dopo 93/94 era gia' tutto o quasi visto e sentito.
Certo essendo un documentario sulla band , in alcuni passi c'e' dell'autoreferenzialità non indifferente, questo da Cameron Crowe non me lo sarei aspettato ma il grande omaggio al bel paese con diversi estratti dai concerti del 2006 di Verona e Pistoia conferma che la band è veramente legata all'Italia, non solo sono parole.
C'e' anche un siparietto divertente . Mike McReady spiega il susseguirsi dei batteristi nella band, in meno di un minuto, tipo comiche in bianco e nero.
Invece pessima l'ironia/giudizi/sogni e lo smenazzamento su Andy Wood che fa Eddie, soprattutto non avendolo mai nè conosciuto nè visto era l'ultimo che doveva parlare ma vabbe' alla fine gli si perdona tutto.
La figura di Neil Young "il primo adulto da cui potessi finalmente prendere ispirazione" dice Eddie, è mostruosamente enorme, aiuta la band a ritrovare un'identità dopo il folgorante successo. Poi il rapporto con Kurt Cobain (si vede un abbraccio tra i eddie e Kurt nel backstage) viene vissuto come quasi tormentato e sicuramente enfatizzato dalla sindrome beatlesrollingstones dei media.

Ce ne sono di cose da sentire , vedere e discutere, ma alla fine quello che rimane e' la musica , grandiosa, che hanno fatto e ancora fanno.
Ah c'e' anche un filmato di Bob Dylan d'annata , ma non dico altro.

Se passano lì vicino(ma anche non troppo) "Don't dare to miss them!" parafrasando il 70enne del minnesota.

Alla fine dopo una scontata Alive , sui titoli di coda si sente questa:


c'e' da dire altro?

martedì 20 settembre 2011

Clap Your Hands Say Yeah - Hysterical


Appena uscito ufficialmente , il terzo lavoro della band di NY brilla subito per il lucido indie-pop che sprizza da tutti i pori.
Le 12 canzoni sono così trascinanti che non sembra vero che siano nello stesso album.
E' un continuo susseguirsi di atmosfere travolgenti tra sintetizzatori , chitarre e "stopandgo" che rendono i brani frizzanti e sincopati.
Shake your ass! Si sarebbe detto qualche decennio fa.

Clap Your Hands Say Yeah - Maniac

lunedì 19 settembre 2011

Ryan Adams Live

E' stato annunciato il tour full band di Ryan Adams in Europa per il prossimo Ottobre:

27/10/2011 London, UK Union Chapel
28/10/2011 York, UK York Grand Opera House
30/10/2011 Edinburgh Edinburgh Festival Theatre
02/11/2011 Paris, FR Le Trianon Hall
05/11/2011 Brussels, BE Cirque Royale

come per i Wilco l'Italia viene esclusa e questa volta non riuscirò ad andare
a vederlo.

Il nuovo lavoro, Ashes & Fire, uscirà l'11 ottobre per PAX-AM/Capitol.
Quasi metà dei brani nuovi si possono sentire 'in giro' per il web.
Qui sotto Dirty Rain .


Ryan Adams - Dirty rain

giovedì 15 settembre 2011

Woody Guthrie tribute


E' prevista per il 27 settembre 2011 l'uscita di un nuovo tributo a Woody Guthrie "Note for Hope" .
Il disco, voluto dalla figlia Nora e dal bassista Rob Wasserman, è una della tante iniziative che sono previste per la celebrazione del centennale della nascita di Woody (1912-2012) e vede la partecipazione di altri artisti tra cui Ani DiFranco,Lou Reed, Michael Franti, Jackson Browne e Van Dyke Parks.
I brani presenti nella compilation sono per lo più pezzi mai pubblicati o di cui erano presenti solo i testi, scritti da Guthrie tra il 1942 e il 1954 e che sono stati arrangiati da Wasserman e dai musicisti ospiti.

Track List:
1. The Note of Hope – Van Dyke Parks
2. Wild Card in the Hole – Madeleine Peyroux
3. Ease My Revolutionary Mind – Tom Morello
4. The Debt I Owe – Lou Reed
5. Union Love Juice – Michael Franti
6. Peace Pin Boogie – Kurt Elling
7. Voice – Ani Di Franco
8. I Heard A Man Talking – Studs Terkel
9. Old Folks – Nellie McKay
10. On The High Lonesome – Chris Whitley
11. There’s a Feeling in the Music – Pete Seeger & Tony Trischka
12. You Know the Night – Jackson Browne

grazie a Little Girl by Garden of Simple

mercoledì 14 settembre 2011

Bobo Rondelli: L’ORA DELL’ORMAI



Uscirà il 25 ottobre 2011 L’ORA DELL’ORMAI il nuovo album di inediti di Bobo Rondelli(Live Global, distribuzione Self), cantautore livornese, prima con gli Ottavo padiglione poi da solo ha sempre avuto uno sguardo sul mondo come pochi riescono ad avere. Ironia,rabbia e disincanto in poesia.
Per info qui.

lunedì 12 settembre 2011

Telekinesis !

Da Seattle, 2 album all'attivo.
Indie rock orecchiabile ma non troppo, insomma quello che poi non se ne puo' fare a meno.

Telekinesis - Coast Of Carolina

giovedì 8 settembre 2011

PJ 20 Tour

I Pearl jam , ormai tutti lo sanno, festeggiano i 20 anni di carriera con il documentario PJ20.
Per l'occasione stanno portando in giro un 'carrozzone' che ripercorra tutta la loro storia passata e presente. I concerti si terranno(si stanno tenendo) in USA e Canada.
Tra le migliaia di duetti, reunion e collaborazioni varie che si alternano in queste lunghe giornate c'e' questo duetto , con Glen Hansard, ormai diventato come il prezzemolo.
Per gli altri basta digitare PJ20 su youtube per (ri)trovare i temple of the dog , gli Strokes(!!!) o Josh Homme che duettano con Eddie Vedder. E' solo la riprova che Eddie potrebbe cantare qualsiasi cosa e verrebbe bene... Ukulele song lo ha confermato...

Glen Hansard + Eddie Vedder - Falling Slowly

lunedì 5 settembre 2011

wilco - the whole love...


In attesa del supporto fisico i Wilco hanno reso disponibile per il solo giorno di Domenica (scorsa) il loro imminente "The whole love" in streaming. La copertina è discutibile MA dal contenuto eccezionale.
Da quello ascoltato sembra addirittura superiore al precedente omonimo(detto 'il cammello di Milwaukee). Nei giorni scorsi avevo letto delle recensioni che mettevano in dubbio alcune scelte , come l'eccessiva durata dell'ultima One Sunday Morning (11 minuti) . Mah! Mi piace tutto.
C'e' ancora coraggio , voglia si stupire e spiazzare. Il 27 Settembre non e' lontano e si potrà dare un giudizio più a fuoco.
Intanto riascolto uno dei tanti "rip from streaming" che ci sono in rete...

Wilco - I might

giovedì 1 settembre 2011

Next gigs...


Si ricomincia...

08/09 Blonde Redhead - Carroponte - Sesto S.Giovanni(MI)
09/09 Of Montreal - Stadio Meazza - Milano
10/09 100% live club Festival - Live - Trezzo sull'Adda(MI)
11/09 Mariposa - Teatro Strehler(davanti) - Milano
17/09 Neal Casal + Sarah Lee Guthrie & Jesse Iron - Fargo Night - Paris
22/09 Mercanti di Liquore - Bulgarograsso (CO)
30/09 Afterhours - Live - Trezzo sull'Adda(MI)
07/10 Chris Pureka - Circolone - Legnano(MI)
21/10 Townes Van Zandt Tribute - Figino Serenza(CO)
05/11 Folks Wagon + Matt waldon - 1 e 35 Circa - Cantù(CO)
07/11 wilco - Basilea(CH)
07/11 Yuck - Tunnel - Milano
14/11 Bob Dylan+Mark Knopfler - Forum - Assago(MI)
19/11 Stephen Malkmus and the jicks - Magazzini Generali - Milano
20/11 Fleet Foxes - Teatro smeraldo - Milano
23/11 Girls - Plastic - Milano
28/11 Low - Magazzini Generali - Milano

lunedì 29 agosto 2011

Kurt Vile


Kurt Vile da Philadelphia, ex chitarrista dei War on drugs , è al suo quarto album. Tecnica da folk singer, voce melliflua da indie rocker a vederlo sembra uscito da una band grunge .
Apprezzato da Kim Gordon dei Sonic Youth e scelto dagli Animal Collective per il festival All Tomorrow Parties del 2011, il suo ultimo lavoro "Smoke Ring For My Halo" sta riscuotendo ottime critiche.
Qui sotto il singolo "Baby's Arms" .


Kurt Vile "Baby's Arms"

mercoledì 24 agosto 2011

Smiths - Complete recordings


Il 3 ottobre gli 8 album(4+4) album degli Smiths saranno ri-editati , rimasterizzati e ri-tutto.

Il remix sarà effettuato da Johnny Marr , chitarrista della band di Ma(d)nchester.
I titoli saranno i 4 da studio:
The Smiths (1984)
Meat Is Murder (1985)
The Queen Is Dead(1986)
Strangeways, Here We Come (1987)

Il live Rank (1988)

Le compilation:
Hatful Of Hollow (1984)
The World Won't Listen(1987)
Louder Than Bombs(1987)

Info sul sito della Rhino, acquisto del base pack consigliato su play.com



Qui sotto un bel documentario, con immagini rare e inedite, il video con Morrissey in bici e' da Oscar...

Smiths Documentary

lunedì 22 agosto 2011

INNI





Esce a Novembre il doppio live dei Sigur Ros "INNI", ormai da troppo inattivi(a parte Jonsi) registrato a Londra a fine 2008.
Al doppio sarà allegato un film di 75 minuti.

giovedì 4 agosto 2011

Screming Trees - Last Words: The Final Recordings




Lavoro 'postumo' di un album mai pubblicato dalla prima band di Mark Lanegan...
Josh Homme alla chitarra(allora tecnico delle 6 corde per il gruppo) ,Peter Buck alla chitarra a 12 corde e Jack Endino alla console e produzione.

In streaming qui sotto:

martedì 2 agosto 2011

Glen Hansard live...

A settembre 1 sola data italiana per Glen Hansard (Frames, Swell season...).
Sarà a Roma. Glen presenterà il nuovo album, in uscita per l'inizio del 2012.

Per noi del "far north" son comode le due date di Basilea, anche se i 48 franchi possono frenare gli entusiasmi.


Questo video in cui canta un'appassionata Astral Weeks puo' far cambiare idea:

mercoledì 27 luglio 2011

PJ20

Qui sotto il trailer del documentario PJ20 per il ventennale dei Pearl Jam previsto per quest'autunno, David Lynch che intervista un attonito Eddie Vedder è da manuale:

Pearl Jam Twenty from Pearl Jam on Vimeo

martedì 26 luglio 2011

Bon Iver - Bon Iver 2011



Album stupendo, molto diverso dal primo "For Emma, Forever Ago", questo omonimo lavoro di Justin Vernon lo ha creato isolandosi in Wisconsin in una casa di famiglia tra i boschi .
E' riuscito a non ripetersi e a creare un'altro gioiello .
Qui sotto la prima traccia.

Bon Iver - Perth

lunedì 25 luglio 2011

venerdì 22 luglio 2011

Keith Jarrett, Gary Peacock, &Jack DeJohnette - Arcimboldi 22jul2011


"Non si possono scattare foto durante il concerto. Se verranno scattate foto, non verranno eseguiti i bis" annunciazio' della speaker degli arcimboldi prima della seconda parte del concerto di Keith Jarret... risate generali...
Dopo mezz'ora di attesa dalla fine dei primi 40 minuti di improvvisazioni e melodie solo accennate Keith Jarrett , Gary Peacock , Jack DeJohnette sono rientrati a proporre il loro jazz e le loro invenzioni (ovvio Keith di piu') tra il folle e l'illuminato.
La serata inizia con il medesimo annuncio (senza la parte dei bis) e con foglietti riportando le stesse parole rifilati dagli stuart del teatro.
Teatro sold-out o quasi per il ritorno del pianista della Pennsylvania dopo anni di assenza. E' un ritorno a 3 con il terzetto 'Standards', con cui esegue i brani classici(la mia ignoranza arriva a livelli astrali al merito) del repertorio jazzistico.
Io (e molti altri ...) riconosco solo Summertime di Gershwin, il resto è un susseguirsi di melodie, mai scomposte o incomprensibili come quando succede nei concerti in solitaria, che ti avvolgono. Capisci perche' lo considerano un genio, ha tutto dentro.
Nella prima parte , più varia e meno melodica , meno "standard" e' quella che mi ha colpito di piu'.La seconda mi e' sembrata un po' di routine almeno nei primi 4 o 5 brani, iniziati e finiti senza fronzoli. Il finale e' stato grandioso, un susseguirsi di assoli e brani anche coinvolgenti.

Jarrett,al solito, e' stato al solito di spalle al pubblico e ha accennato solo ad un brindisi con l'acqua che stava bevendo da un calice. Gli altri due a sostenere la scena ma nessuno o quasi era venuto per loro... paranoico, (im)perfezionista e genio folle.Amarlo , come artista, è quasi naturale.

giovedì 21 luglio 2011

Robert Plant + Ben Harper - Arena Civica Milano - 20jul2011


Serata perfetta quanto a temperatura e clima.
Questo double bill mi incuriosisce, cosa avranno da dirsi due mondi cosi' differenti?
In effetti poi a conti fatti, l'assenza di duetti o co-presenze nei set ha un che di anomalo... ma cosa avrebbero potuto fare?
L'ultima volta all'Arena avevo visto i Sigur Ros, prima ancora REM e Radiohead, ma ormai son passati 4 anni. Mi ricordavo l'enormità del posto , la dispersività dell'ambiente (è uno stadio per l'atletica). Il palco lo mettavano sul lato corto, quindi chi stava nella tribuna opposta non vedeva e non sentiva nulla.
Ora il palco e' su uno dei lati lunghi, un po' di transenne e cordame da lavori autostradali rimpiccioliscono il posto. Ora ci non staranno neanche 10000 persone.
Il primo set è per Robert Plant. I led zeppelin e i loro brani sono sempre in scaletta, ma ci sono anche i brani dell'ultimo Band of Joy, non male , buono direi .
Il problema e' il suono cupo e sordo. Sarà che gli anni passano per Rob ma la sua voce andava e veniva, si son salvati gli ultimi tre brani del set tra cui le immortali Ramble On e Gallows Pole fatta come bis. Nota di merito a "Pocahontas" Patty Griffin alla seconda voce a sostenere il vecchio , ma sempre carismatico Mr Plant.

Una buona mezz'ora e il palco per Ben Harper e' pronto.
L'ultima volta l'avevo visto prima dei Pearl Jam , aveva fatto il suo ed era finita li'. Invece si vede subito che Ben in formissima , accompagnato dai Relentless7(Jesse Ingalls,Jason Mozersky,Jordan Richardson ), che non si limitano ad accompagnare il "maestro", ma personalizzano ogni brano con assoli o fraseggi che fanno guadagnare anche i piu' classici dei classici.
Parte acustico con una Burn One Down solo acustica da brividi, poi chiama la band e Ben passa in rassegna tutti gli album.Dall'ultimo, non brillantissimo, da cui esegue una Rock N' Roll Is Free moscissima, al primo, il bellissimo Welcome to the Cruel World, da cui estrae una toccante Walk Away in solitaria . Un' ottima versione di Where Could I Go (dall'album con the Blind Boys of Alabama) in cui Harper si presta ad un cantato senza amplificazione sorprendentemente coinvolgente.
Poi arrivano Faded e una stravolta Diamonds On The Inside, che finalmente spazza via tutta la Giamaica che aveva dentro e restituisce al testo il giusto valore.
Alla fine saranno Ohio (!!!) si' quella di C,S,N & Y e With my own hands che ci mandano a casa contenti di riavere visto Ben Harper in stato di grazia.